SISMABONUS, ECOBONUS - Applicabilità in aggregati edilizi nei centri storici

La Commissione consultiva per il monitoraggio dell'applicazione del D.M. 28/2/2017 n. 58 e delle linee guida ad esso allegate, ha esaminato un'ulteriore serie di quesiti in tema di Sismabonus e Ecobonus con particolare riguardo agli interventi strutturali di aggregati edilizi in generale e agli interventi realizzati nei centri storici, in particolare, con riferimento all'art. 16-bis del DPR 917/1986 comma 1, lett.i (TUIR, Testo Unico delle Imposte sui redditi).

Il parere focalizza l'attenzione sulla parte che riguarda le condizioni d'accesso alle agevolazioni fiscali relative ad interventi antisismici e per la messa in sicurezza statica da realizzare sulle parti strutturali degli edifici o complessi di edifici collegati strutturalmente e comprendenti interi edifici. Anche per i centri storici, ai sensi dell'art. 16-bis del TUIR, le medesime condizioni imporrebbero l'esecuzione di tali interventi su progetti unitari e non su singole unità immobiliari. 

La Commissione ritiene che la norma sopracitata vada riletta e interpretata alla luce delle Norme Tecniche per le Costruzioni del 2018, punto 8.7.1, e della circolare C.S.LL.PP 21/01/2019, punto C8.7.1.3.2: il riferimento a progetti unitari può essere inteso come limitato al concetto di singola unità strutturale, una volta individuata, e non necessariamente all'intero aggregato edilizio.

Vedi il testo integrale del parere della Commissione, 4/2021 Quesiti esaminati - luglio 2021

Per leggere i precedenti pareri vedi: https://www.cni.it/bonus-110-chiarimenti-commissione-csllpp

Ultima modifica 19 luglio 2021